Spirito del Sole*

Joy, Love, Gratitude & Rock'n'Roll!

3 note

Una calda estate di infinita passione.

Dal concerto acustico in un teatro al concerto nella loro città natale dopo 10 anni, dalle date in paesini sperduti in montagna a quelli al mare con doverosa nottata in spiaggia, dalle ospitate in radio agli incontri e conferenze.
E’ stata “una calda estate di infinita passione”, che ho passato spesso on the road, arrivando anche ad attraversare l’intero nord Italia in pieno agosto, senza aria condizionata in macchina, ma in ottima compagnia.

Cosa porterò con me in questi lunghi mesi invernali?
La sensazione che precede l’inizio di un concerto, le infinite attese durante le date in radio, le notti in bianco in giro per qualche città, le risate, gli abbracci, le lacrime, i sorrisi sinceri, la colazione delle 8 di mattina con pasta al pomodoro dopo una notte in bianco e poi via verso un altro concerto, le stelle cadenti in spiaggia con il sottofondo di 1972, la nottata passata in un campetto a suonare e cantare, gli estenuanti viaggi in treno, i discorsi più o meno seri pre e post live, vedere che l’iniziativa che ho proposto è stata così ben accolta da tutti, e chi più ne ha più ne metta.

Vi lascio con una frase che trovo molto veritiera:
"Chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita"
Credo che questa estate sia stata un lungo, bellissimo viaggio fatto con tutti voi, che mi ha cambiata, magari migliorata, aperto gli occhi, il Cuore e forse anche fatto crescere.
Ringrazio tutte le persone che ho conosciuto e con cui ho condiviso magari anche solo qualche minuto, ma che ha comunque contribuito a rendere così bella questa estate.
E soprattutto, ringrazio gli artefici di tutto questo, le persone grazie a cui ciò è stato possibile. Persone che sto imparando a conoscere giorno dopo giorno, e che sono una sorpresa continua.
Grazie di Cuore a TUTTI.

Archiviato in The Sun live spiriti del sole

2 note

"Lettera aperta"

And I thought to write
Something special for you
I hope you’ll appreciate it

Your spontaneity,
Your high capacity
To keep us at our ease
How do you do that?
Every time
You make me feel better
Than I was before.

Con questa “lettera aperta” voglio ringraziarvi per questa estate passata spesso on the road in giro per l’Italia in compagnia di buona musica e amici. Sicuramente è stata una delle estati più belle che abbia vissuto, e questo è stato possibile grazie a voi.
In un anno e un paio di mesi ho macinato esattamente 6.149 km per poter vivere quel paio d’ore di musica live, e ne rifarei anche il doppio… Ogni data mi ha lasciato un bellissimo ricordo e mi ha dato modo non solo di conoscere moltissime persone, ma anche di conoscere voi al di fuori dal rapporto fan-band, cosa per cui mi ritengo estremamente fortunata. È bellissimo avere un certo rapporto con la band che in un anno ti ha dato così tanto, e scoprire che quella band è composta da persone straordinarie. Persone che ti accolgono come se fossi una di famiglia, che si preoccupano per te, che con un sorriso, uno sguardo o un abbraccio riescono ad esprimere tutta la loro gratitudine nei tuoi confronti. Gratitudine che è ovviamente reciproca, visto tutto quello che la vostra Musica ha fatto per me.
Mi ha davvero salvata, cambiata, migliorata. Ha fatto da colonna sonora ad ogni esperienza di questo ultimo anno, mi ha spesso descritta alla perfezione ed ancora più spesso mi ha aiutata, mi ha aperto gli occhi.
Ed è per questo che ogni volta che mi è possibile cerco di dimostrarvi la mia gratitudine in ogni modo possibile, a volte anche sciocco: tatuaggi, striscioni, piccoli regali, iniziative come quella del Sole… Eppure, nulla riesce ad esprimere fino in fondo quello che provo. L’ho detto un sacco di volte e continuerò a dirvelo, ma davvero la parola "grazie" non esprime neanche un centesimo di quello che intendo… Ma parole migliori non le trovo.
Dopo questo anno stupendo e questa "calda estate di infinita passione" penso ai prossimi mesi e non nascondo che mi assale un po’ di tristezza. Sarete impegnati e lavorerete per regalarci un nuovo cd da consumare (ecco perché ho comprato una seconda copia di Spiriti del Sole… Avevo paura di consumarlo!), ma questo vorrà dire non avere la possibilità di sentirvi live così spesso come ora… Questa estate ero abituata a vedervi praticamente ogni weekend, a volte anche due giorni di fila, quindi sarà davvero molto dura!
Ma so che starete lavorando per regalarci qualcosa di nuovo, nuove emozioni, sorrisi e lacrime.
E quindi con tutto l’Amore che ho nel Cuore vi dico che in questi mesi sarò spiritualmente al vostro fianco, il mio pensierò sarà spesso rivolto a voi, e avrete tutto il mio supporto e la mia fiducia per quello che starete facendo. Prendetevi tutto il tempo che vi serve e stupiteci ancora una volta… Ma non serve neanche che ve lo dica, so che sarà così! (basta che non vi prendiate troppo tempo però :P)
Quindi vi lascio augurandovi un buon lavoro; che questi siano mesi produttivi e speciali, mesi che magari non saranno facili, ma che sono sicura verranno totalmente ripagati.
In attesa di quel momento, vi mando tutto il mio affetto e supporto.
A presto ragazzi, vi voglio bene e sono con voi… Hasta la muerte!

Archiviato in The Sun spiriti del sole

1 nota

5.866

Ieri in un attimo di noia mi sono messa a contare quanti km ho fatto dal Loro primo concerto ad oggi. Risultato?

5.866 km.

Che sarebbe più o meno come da qui a Mosca e ritorno, anzi qualcosina in più.

18 date.

1 anno.

5.866 km.

1 nota

434 km sotto il sole, senza aria condizionata.
434 km che però rifarei ora e sempre, se in cambio potessi avere una giornata/nottata/mattinata come quella del 19/20 agosto.
Concerto acustico da brividi come sempre, emozioni uniche. E i ragazzi disponibili e carini come sempre, forse anche di più (se possibile).
Mi si riempie il Cuore quando li vedo parlare con ragazzi e bambini, mi sento davvero orgogliosa e fortunata di far parte di tutto questo.
Ci sarebbero tante cose da dire, ma questa volta preferisco tenermele nel Cuore, sono troppo belle ed importanti.

434 km sotto il sole, senza aria condizionata.

434 km che però rifarei ora e sempre, se in cambio potessi avere una giornata/nottata/mattinata come quella del 19/20 agosto.

Concerto acustico da brividi come sempre, emozioni uniche. E i ragazzi disponibili e carini come sempre, forse anche di più (se possibile).

Mi si riempie il Cuore quando li vedo parlare con ragazzi e bambini, mi sento davvero orgogliosa e fortunata di far parte di tutto questo.

Ci sarebbero tante cose da dire, ma questa volta preferisco tenermele nel Cuore, sono troppo belle ed importanti.

Archiviato in The Sun live

3 note

Ferragosto. Padova. Paura della pioggia ma poi sole e caldo. Foto. Striscione di 6 metri. Granite a gogo. Soundcheck. Vedere una foto appena caricata su Facebook e pensare a quanto ami quella band. Cena interrotta da Loro. Consegna del pensierino. Occhi lucenti. Gratitudine. Drink improvvisati. Inizio del live. Backstage. Idee geniali non supportate dallo staff di company. Uscita dal backstage per l’esibizione. Fare casino. Gente che ti chiede una foto insieme. Cercare di tenere su uno striscione. Tornare nel back. Free drink. Drink. Drink. Drunk. Convincere il bodyguard a far entrare non si sa come almeno 10 persone nel back. Panda. Amare gli Scotch Ale, i Phinx e La Lobby. Foto random ed imbarazzantissime. Risate. Trovarsi a terra, guardarsi, ridere e chiedersi perché. Ricordi vaghi. Foto disagio. Scrivere stati su Facebook senza senso. Tre ore distesi su un marciapiede. Stazione. Alba. Casa. Colazione alle 8 con pasta al pomodoro. Cercare di sembrare presentabili. Macchina. Asiago. Cercare disperatamente del cibo. Dormire un’ora per terra. Non avere le forze per fare foto. Conoscere una delle band del contest e decidere di supportarli a random. E più tardi vederli vincere. Soundcheck. Presentatore che non crede che il tatuaggio sia vero e sai che questo ti varrà un pass. Cena a caso. Inizio. Sperare di esser colpiti da un meteorite quando iniziano le premiazioni per miss nonsocosa e i fuochi d’artificio. Non resistere più in piedi. Riprendersi miracolosamente con i live di Phinx, La Lobby, Scotch Ale e PlasticFun. Pass backstage. The Sun. Backstage. Scambio pass. Foto yeah. Gente in ginocchio davanti a te solo perché hai del Jack Cola. Sentire una frase e provare un’enorme Gratitudine. Farsi ripetere 5 volte una via, e altre 3 volte lo spelling. Imprecare contro il navigatore del cellulare. Trovare la strada. After tamarro. Scambiare qualche chiacchiera di fronte ad un drink. Rendersi conto della fiducia che ripongono in noi. Scoprire come sono nate alcune canzoni. Ricevere mille raccomandazioni per il ritorno. Cercare di stare svegli e fare discorsi a caso. Vedere ombre che attraversano la strada. Casa. Tre ore di sonno. Treno. Casa. Doccia. Cibo. Letto.
Mi ero ripromessa che avrei fatto un resoconto degno di tale nome per queste due date, ma… Non ce la faccio. Ci sono così tante cose da dire, che non saprei nemmeno da dove iniziare! Fatto sta che è passato un anno, ed è stato l’anno più bello, pieno di Gioia, Amore, Gratitudine e un sacco di Rock’n’Roll!

Ferragosto. Padova. Paura della pioggia ma poi sole e caldo. Foto. Striscione di 6 metri. Granite a gogo. Soundcheck. Vedere una foto appena caricata su Facebook e pensare a quanto ami quella band. Cena interrotta da Loro. Consegna del pensierino. Occhi lucenti. Gratitudine. Drink improvvisati. Inizio del live. Backstage. Idee geniali non supportate dallo staff di company. Uscita dal backstage per l’esibizione. Fare casino. Gente che ti chiede una foto insieme. Cercare di tenere su uno striscione. Tornare nel back. Free drink. Drink. Drink. Drunk. Convincere il bodyguard a far entrare non si sa come almeno 10 persone nel back. Panda. Amare gli Scotch Ale, i Phinx e La Lobby. Foto random ed imbarazzantissime. Risate. Trovarsi a terra, guardarsi, ridere e chiedersi perché. Ricordi vaghi. Foto disagio. Scrivere stati su Facebook senza senso. Tre ore distesi su un marciapiede. Stazione. Alba. Casa. Colazione alle 8 con pasta al pomodoro. Cercare di sembrare presentabili. Macchina. Asiago. Cercare disperatamente del cibo. Dormire un’ora per terra. Non avere le forze per fare foto. Conoscere una delle band del contest e decidere di supportarli a random. E più tardi vederli vincere. Soundcheck. Presentatore che non crede che il tatuaggio sia vero e sai che questo ti varrà un pass. Cena a caso. Inizio. Sperare di esser colpiti da un meteorite quando iniziano le premiazioni per miss nonsocosa e i fuochi d’artificio. Non resistere più in piedi. Riprendersi miracolosamente con i live di Phinx, La Lobby, Scotch Ale e PlasticFun. Pass backstage. The Sun. Backstage. Scambio pass. Foto yeah. Gente in ginocchio davanti a te solo perché hai del Jack Cola. Sentire una frase e provare un’enorme Gratitudine. Farsi ripetere 5 volte una via, e altre 3 volte lo spelling. Imprecare contro il navigatore del cellulare. Trovare la strada. After tamarro. Scambiare qualche chiacchiera di fronte ad un drink. Rendersi conto della fiducia che ripongono in noi. Scoprire come sono nate alcune canzoni. Ricevere mille raccomandazioni per il ritorno. Cercare di stare svegli e fare discorsi a caso. Vedere ombre che attraversano la strada. Casa. Tre ore di sonno. Treno. Casa. Doccia. Cibo. Letto.

Mi ero ripromessa che avrei fatto un resoconto degno di tale nome per queste due date, ma… Non ce la faccio. Ci sono così tante cose da dire, che non saprei nemmeno da dove iniziare! Fatto sta che è passato un anno, ed è stato l’anno più bello, pieno di Gioia, Amore, Gratitudine e un sacco di Rock’n’Roll!

Archiviato in The Sun concerto radio company company contatto

1 nota

Treni. Autobus. Traffico. Signore con la parlantina. Aria condizionata. Girare con un sole sottobraccio. Foto. Spritz. Risate. Far casino per mille. Abbracci. Mani ed occhi al cielo. Backstage. Foto imbarazzanti. Spiaggia. Stelle cadenti.  Cantare Maggio e 1972 al cielo. Discorsi più o meno seri. Cose che prendono  fuoco in cielo e cadono sulla spiaggia. Sabbia ovunque. Freddo. Disagio pesante.
Tornare a casa, riguardare le foto e vedere questi sorrisi.
Ecco perché tutto ciò che ho fatto finora, lo rifarei altre mille volte. Sempre.
http://www.facebook.com/picwiththesun

Treni. Autobus. Traffico. Signore con la parlantina. Aria condizionata. Girare con un sole sottobraccio. Foto. Spritz. Risate. Far casino per mille. Abbracci. Mani ed occhi al cielo. Backstage. Foto imbarazzanti. Spiaggia. Stelle cadenti. Cantare Maggio e 1972 al cielo. Discorsi più o meno seri. Cose che prendono fuoco in cielo e cadono sulla spiaggia. Sabbia ovunque. Freddo. Disagio pesante.

Tornare a casa, riguardare le foto e vedere questi sorrisi.

Ecco perché tutto ciò che ho fatto finora, lo rifarei altre mille volte. Sempre.

http://www.facebook.com/picwiththesun

Archiviato in The Sun live

3 note

If I could I would stay with you for a life.

È domenica mattina e un altro concerto è passato, forse troppo in fretta per i miei gusti.
Vorrei che quei momenti durassero per sempre. Vorrei passare la vita sotto, sopra e dietro quel palco.
Ogni secondo lì ripaga totalmente i km fatti, la stanchezza, il caldo, la sete, i dolori, i lividi, tutto.

Le risate, le urla, le mani al cielo, gli abbracci sudati, tenersi per mano, piangere di gioia, i sorrisi sinceri, gli scherzi, il disastro causato dal “rompetevi le ossa!” all’attacco di Tour All Over, guardare dietro durante My Prayer ed emozionarsi realizzando di far parte di una cosa bellissima, stringere la mano della tua amica e sapere che sta provando quello che provi tu, e che quella canzone è vostra, cercare disperatamente dell’acqua, il sudore misto a polvere ed umidità della notte, i discorsi più o meno seri, le foto di ogni tipo, guardare delle bimbe che cantano tutte le canzoni e pensare a quanto sia bello tutto questo, le cene improvvisate, l’essere pronte a salire sul palco all’ultima nota di Maggio, urlare al Cielo quelle frasi così vere, la Musica che scorre nelle vene e arriva dritta al cuore.
Non mi stancherò mai di tutto questo, MAI.
Come potrei? Questa è Vita. La mia vita, che non è mai stata così bella e piena di Gioia, Amore, Gratitudine e Rock’n’roll.

Archiviato in the sun live concerto

4 note

Everytime you make me feel better than I was before.

Io e Barbara siamo appena tornate a casa, e nonostante non veda l’ora di poggiare la testa sul cuscino, sentivo il bisogno di scrivere qualche riga. Che dire di questi due giorni? Stupendi. Dopo quasi un anno, ancora mi stupisco di come facciano ad essere così… Così! La loro musica continua a far nascere bellissime amicizie tra persone lontane centinaia di km, che si concretizzano nel momento in cui, come questa volta, si decide di prendere un treno, andare a sentirli, passare una notte in bianco in giro per una città, prendere un altro treno e ripartire per un altro concerto. Spesso conoscendo solo il nome delle persone che condividono con te tutto questo… Ma sappiamo tutti che c’è dell’altro.. Sappiamo che quello che ci spinge a fare certe cose, certe scelte (vedi rimandare esami pur di essere presente) è una cosa sola: la loro Musica. E cosa unisce più della musica? Basta assistere ad un qualsiasi loro concerto… L’atmosfera che si respira è davvero quella di una grande, bellissima famiglia! Quando siamo lì con loro e per loro, tutte le incomprensioni o antipatie che possono esserci state, svaniscono. L’obiettivo comune di tutti noi è quello di provare a dimostrare quanto siano importanti per noi, sostenendoli in ogni loro passo, e affinché questo sia possibile ci vuole collaborazione, voglia di stare insieme, divertirsi, di passare qualche ora senza pensare a problemi o piccole difficoltà della vita e godersi il momento e le emozioni. Spesso nei loro occhi ed in quelli di alcuni Spiriti noto una Luce particolare. Io la interpreto come Amore puro, Amore grato ed Amore ricco di gioia. E credetemi, guardare una persona negli occhi e vederci tutto questo, fa venire i brividi. Una sensazione così forte che è impossibile da spiegare, ma sono sicura di non essere l’unica a provarla. È qualcosa che lega tutti noi. Mi capita a volte di ripensare ai km fatti, alle notti in bianco, alle difficoltà nel raggiungere una location, e confrontandomi con persone esterne a tutto questo che mi chiedono se ne valga la pena… Beh, la risposta è una sola. SI. Sempre. Vorrei che esistesse una parola più adatta di un semplice “grazie”, ma penso che sia l’unica che si avvicina al concetto, quindi… GRAZIE!

Archiviato in the sun live concerto family